Perché la chiave dinamometrica non funziona più? Possibili cause e consigli

Chiave dinamometrica

La chiave dinamometrica rappresenta una chiave molto precisa, che si distingue dalla tradizionale chiave inglese in quanto presenta una precisione incredibile. C’è un valore di coppia che possiamo scegliere, per serrare quanto serve, bulloni e viti di componenti importanti, che magari fanno anche parte del motore. Abbiamo una bella responsabilità quando decidiamo di usare queste chiavi, motivo per cui sono solitamente meccanici professionisti ad usarle.

A cosa serve una chiave di questo tipo?

Questo tipo di chiave può servire per fissare una ruota di una macchina, o di una moto, oppure di una bicicletta. Ma anche per fissare componenti del motore, bulloni all’interno, un sellino di una MTB, ma anche per fissare impianti o protesi dentali. Tutto sta nel saper scegliere il giusto range di valore di coppia, che viene espresso in nanometri, ovvero metro per Newton. Sarebbe meglio che in ogni caso il valore della forza con cui la chiave deve serrare, si muova tra due valori, uno minimo e uno massimo, ma non standoci in prossimità. Questo infatti comporterebbe di conseguenza meno precisione della chiave.

Materiali: quali devono essere

I materiali sono fondamentali, infatti sarebbe bene comprare delle chiavi che presentino dei materiali resistenti e di buona fattura. La plastica, soprattutto se dobbiamo lavorare sul motore sarebbe da evitare ad ogni modo.

Questa infatti ha una resistenza minore, rispetto a leghe metalliche, oppure all’acciaio.

Inoltre il manico non deve essere per nulla scivoloso, ma zigrinato e tenere bene la presa della mano. Infatti dobbiamo pensare che questa potrebbe essere, durante il lavoro, sporcata da olio e lubrificante. E in questa situazione la chiave deve rimanere bene in mano, senza scivolare via.

Valori di coppia, cosa sapere

La domanda che più frequente ci si pone riguardo la chiave dinamometrica è la seguente: qual è il modello più versatile?

Molti sono in realtà modelli adatti un po’ a tutte le situazioni, ma bisogna mettere in conto che più è grande il campo di regolazione della forza di una chiave dinamometrica, più elevato è l’errore. Quindi ci sono chiavi con versatilità alta, che quindi hanno valori minimi e massimi di valore di coppia molto distanziati tra di loro. Questo però ha lo svantaggio di aumentare la probabilità di errore, e quindi la chiave potrebbe essere più imprecisa. Infatti una minore versatilità, quindi un range di valori più ristretto, è sinonimo di maggiore precisione.

Non troverete mai una chiave dinamometrica che si possa utilizzare per viti e perni di dimensioni molto diverse. Il consiglio che si può dare quindi è quello di riconoscere i valore di coppia più frequenti che potrebbero fare al caso vostro, e acquistare una chiave dinamometrica che abbia questi valore. Meglio se questi, come si diceva in precedenza, siano posizionati in posizione centrale sulla scala graduata di regolazione.

Motivi per cui la chiave dinamometrica non funziona

Una chiave dinamometrica potrebbe non funzionare bene, in quanto la qualità del prodotto è molto bassa, quindi la chiave potrebbe essere molto imprecisa. Oppure esistono altri motivi, legati ad un malfunzionamento specifico della chiave dinamometrica. Potrebbe anche darsi infatti che la chiave non funzioni bene in quanto non è stata tarata. Una chiave dinamometrica dovrebbe essere tarata regolarmente senza far aspettare troppo tempo, tra un test e l’altro. In particolare si parla di processo di calibrazione, questo è essenziale per far lavorare bene uno strumento di questo tipo.

Inoltre potrebbe essere che la chiave dinamometrica che abbiamo sia entrata in contatto con altri strumenti, urtandoli. Questo è sconsigliatissimo, bisognerebbe mettere la chiave in una custodia singola e personale, lontana dagli altri strumenti. Infatti urtandoli potrebbe perdere la sua precisione, di poco e tanto, e sarebbe una scocciatura calibrarla correttamente.

La chiave dinamometrica potrebbe non funzionare proprio se ha subito diverse cadute, oppure una sola caduta ma abbastanza intensa.

Usare la chiave dinamometrica in modo inappropriato

Un altro motivo che potrebbe essere causa di un non funzionamento della chiave dinamometrica, potrebbe esser quello di usare in modo inadatto la chiave dinamometrica. Questa non va usata come una semplice chiave inglese, e non è adatta ad avvitare tutti i tipi di bulloni. Inoltre bisogna stare molto attenti, in quanto un uso sbagliato della chiave dinamometrica, potrebbe comportare la rottura di viti e bulloni. Oppure in situazioni meno gravi, il bullone potrebbe essere così tanto serrato da non aprirsi più.

La chiave dinamometrica è uno strumento molto utile ed efficace, ma deve essere usato con sapienza, attenzione, e cura.

Bisogna ricordarsi ad esempio di sterilizzare sempre la chiave, se ci troviamo in campo medico e precisamente in quello dentistico.

Inoltre per quanto concerne invece la calibrazione, sarebbe bene seguire le istruzioni per fare una corretta manutenzione della nostra chiave.

Affidiamoci sempre a marchi famosi, che sono garanzia di prestazioni di alto livello e di materiali robusti, che possono sostenere lavori di un certo tipo.

Studentessa universitaria di Filosofia, amante della scrittura, della lettura e di tutto ciò che attiene all’uomo nelle sue varie sfaccettature. Ha lavorato alla correzione di articoli a carattere culinario e scientifico, e all’editing di parte di un testo di natura filosofica.

Back to top
menu
Scelta Chiavi Dinamometriche