Cosa valutare per acquistare le chiavi dinamometriche per lavori di automobilismo: guida alla scelta, dettagli, costi

Valore di coppia: cosa sapere a riguardo

Il valore di coppia di una chiave dinamometrica corrisponde alla forza con cui questa può serrare bulloni, viti o componenti vari del motore di una macchina e non solo. Infatti queste chiavi sono anche impiegate per fissare ruote di moto ed auto, sellino e manubrio di biciclette e in campo medico, per fissare impianti destintici.

Per quanto concerne questo valore preciso, quello adeguato a noi lo troviamo sempre e comunque nel manuale del veicolo. Non possiamo deciderlo da soli, senza aver prima consultare il manuale. Di solito cambia in base al modello dell’auto, alle dimensioni specifiche del cerchio della ruota ad esempio.

Per quanto riguarda il fissaggio delle ruote della macchina possiamo dire che generalmente c’è bisogno di un valore che sia compreso tra 110 Nm e 120 Nm. Per i componenti del motore della macchina, la richiesta di precisione è molto alta. Bisognerebbe prendere una chiave dinamometrica digitale in quanto possiamo maggiormente monitorare il lavoro che lo strumento sta svolgendo.

Come capire quale sia la chiave giusta?

Scegliere una chiave dinamometrica, non è così semplice come potrebbe sembrare, infatti ci sono dei criteri valutativi da seguire. Si tratta di una chiave che deve serrare componenti delicati e che è importante serrare nel modo giusto, per non incorrere in incidenti.

Questa deve presentare quindi il giusto range di valori di coppia per l’applicazione circoscritta. Quindi bisogna scegliere una chiave rispetto ad un’altra, in base dipende all’uso che ne faremo.

Se abbiamo bisogno di ricoprire dei range molto vasti, per una maggiore versatilità della chiave, allora sarebbe meglio affidarsi all’uso di due strumenti. Spesso questa tecnica viene usata per chiavi dinamometriche finalizzate a serrare componenti precisi delle macchine. Meglio inoltre che questi strumenti siano piccoli tra di loro per garantire una maggiore precisione di lavoro.

Solitamente per quanto riguarda i motocicli, il serraggio delle viti delle ruote,  sarebbe utile scegliere una chiave di precisione che si propone con un range 5÷25 ed un’altra chiave con range 30÷150.

Importanza delle marche

Nella scelta di una chiave dinamometrica la marca ha un ruolo molto importante  sicuramente , scegliere un’azienda rispetto ad un’altra, può cambiare molto le cose.

In ogni caso, qualsiasi marchio vogliamo scegliere, dovremmo essere sicuri della qualità di materiali e di prestazioni della chiave. Si tratta di chiavi di precisione, quindi le valutazioni da fare sono molto precise e bisogna anche fare attenzione nell’usarle. Un passo falso potrebbe provocare delle situazioni spiacevoli. Motivo per cui questi lavori di solito sono svolti da professionisti nel campo.

Il prezzo, indice di qualità oppure no?

Il prezzo sicuramente rappresenta un indice di qualità, più il prezzo aumenta più sale la qualità del prodotto.

Ma questa non rappresenta una norma fissa, in quanto sappiamo che il prezzo è determinato anche da altri fattori. Uno di questi è sicuramente il nome del marchio.

Per non rischiare di prendere una chiave di scarsa lega, sarebbe bene affidarsi a prezzi che si muovono almeno nella seconda fascia di prezzo. Anche se i prezzi dipendono anche dall’applicazione, infatti per una bicicletta possiamo tranquillamente spendere entro la prima fascia.

In linea generale le fasce di prezzo potrebbero essere le seguenti:

  • una prima fascia che va da circa 30 euro fino ad arrivare a più o meno 150 euro,
  • una seconda fascia che invece va da 150 circa fino a 400 euro più o meno,
  • una terza ed ultima fascia che parte da 400 euro circa e raggiunge anche 800 euro circa.

Chiavi dinamometriche Beta Art

La serie Beta Art di chiavi dinamometriche è consigliata da molti, soprattutto per quanto riguarda il mondo delle biciclette.

Probabilmente si tratta di una chiave davvero molto buona e di alto livello.

Questi modelli spesso sono a quadrante, e presentano quindi un quadro da 3 a 8 pollici, attraverso cui è possibile impostare  il valore di coppia che si desidera raggiungere.

L’utilizzo per fortuna è molto semplice ed intuitivo anche per i meno pratici. C’è solo bisogno di sbloccare la chiavetta posizionata alla fine dell’impugnatura e ruotare in senso orario.

Alcuni modelli di chiavi di questa serie, proprio in quanto presentano un numero di 72 denti, prevedono che lo spettro di manovra sia abbastanza limitato purtroppo. Si tratta nello specifico di  soli 5 gradi.

Queste chiavi dinamometriche sono di alta qualità anche e soprattutto per la robustezza dei materiali. Una cosa importante in ogni caso è cercare di non far urtare la chiave con altri strumenti, oppure farla cadere ripetutamente. Infatti queste chiavi devono subire una calibrazione specifica per agire nel modo corretto e serrare come si deve. Motivo per cui in ogni caso bisogna occuparsi di fare test di taratura.

Marchio Mighty per automobili

La Mighty è una marca di alta qualità, nel campo della produzione di chiavi dinamometriche, soprattutto per macchine. Presenta sul mercato modelli con il miglior rapporto qualità prezzo.

Solo tenendo in mano queste chiavi, si percepisce la qualità dei materiali, che incide di conseguenza su un esito positivo.

Alcuni modelli hanno un ampio raggio di serraggio, quello che spesso serve quando dobbiamo lavorare su diversi componenti di un’automobile. In alcuni casi andiamo da 2 Nm fino a 24 Nm. Questo ampio intervallo ci permette una certa versatilità, rispetto a molti altri modelli presenti sul mercato.

Ultime considerazioni

Inoltre un altro aspetto da considerare che è molto importante, è quello legato al fatto di avere una chiave che sia ergonomica. L’impugnatura deve essere necessariamente zigrinata e non liscia, pensiamoci con le mani piene di olio o lubrificante, la chiave non deve scivolare per alcuna ragione. Inoltre un’altra cosa che è importante è che sia comoda da tenere in mano e non troppo pesante. Se acquistiamo poi una chiave digitale avremo sicuramente diversi vantaggi, potremmo monitorare grazie ad uno schermo LCD come la chiave sta lavorando. Molte chiavi di questo tipo, segnalano attraverso un emissione acustica o una luce, quando viene raggiunto il valore di coppia desiderato. Qua sta a noi gestire le tempistiche, non distrarci, in quanto la chiave continua a lavorare anche se è raggiunto quel valore.

Molto importante è evitare da una parte un eccessivo serraggio, e dall’altra un serraggio troppo debole. Dobbiamo poter svitare quel bullone o vite, ma dobbiamo ance stringerlo bene, soprattutto per quanto concerne parti del motore.

Studentessa universitaria di Filosofia, amante della scrittura, della lettura e di tutto ciò che attiene all’uomo nelle sue varie sfaccettature. Ha lavorato alla correzione di articoli a carattere culinario e scientifico, e all’editing di parte di un testo di natura filosofica.

Back to top
menu
Scelta Chiavi Dinamometriche