Chiavi dinamometriche per ruote: migliori prodotti di Maggio 2021, prezzi, recensioni

Come si usa correttamente la chiave dinamometrica?

Per usare correttamente la chiave dinamometrica bisogna prima di tutto collegarla nel punto giusto. Dopodiché dato che si tratta di uno strumento di precisione, la cosa importante è non farle subire dei colpi. Questi infatti potrebbero portare ad allentare la molla e far diventare la chiave imprecisa ed inaffidabile.

Per questi motivi sarebbe bene riporla sempre nella sua custodia e stare attenti a non farla urtare, soprattutto se digitale. Inoltre sarebbe consigliato anche non esporla a movimenti bruschi, quelli che potrebbero verificarsi se la chiavi e messa nel modo sbagliato con altri utensili nella cassetta. Qui potrebbe urtare con gli altri, magari a causa del movimento della macchina quando è in moto.

Per evitare questa situazione possiamo riporre la nostra chiave dinamometrica in un’ apposita custodia. Anche perché è importante proteggerla dall’acqua e dal freddo. Periodicamente occorrerà infatti effettuare un test della taratura della chiave dinamometrica. Per capire quale sia il giusto periodo di intervallo che deve trascorrere tra una manutenzione e l’altro, è bene consultare sempre lo specifico libretto di istruzioni allegato allo strumento.

Un’altra norma di uso, ci obbliga a scaricare la chiave prima di riporla nella sua custodia. Un’altra cosa da tenere a mente è che occorre provvedere ad un click a vuoto per agitare le parti, prima dell’uso di queste chiavi.

Inoltre è molto importante non usarla mai come chiave normale, a cricchetto, perché questo potrebbe danneggiarla e comprometterne il normale utilizzo.

Lo strumento perfetto per il serraggio delle ruote

La chiave dinamometrica rappresenta un utensile indispensabile sia per cambiare la gomma delle nostre macchine o moto, sia per il serraggio bulloni delle ruote. Infatti con l’impiego di questa chiave possiamo serrare con la giusta potenza, i dadi delle ruote. La chiave per il serraggio ruote è rappresentato da un valore di coppia, il quale è denominato anche coppia serraggio bulloni-ruota. Questo valore è stabilito per ogni specifica auto o cerchio, e ci dice praticamente quanta forza è necessaria, per serrare nel modo adeguato quei bulloni delle ruote.

Questo valore deve essere mantenuto, in quanto i bulloni devono essere in grado di gestire le sollecitazioni a cui sono sottoposti quando l’auto è in moto. Questi devono tenere in modo molto saldo la ruota in posizione. Se le viti infatti risultano poco strette, i rischi sono molto alti. Potrebbero allentarsi durante la guida e nei casi peggiori la ruota potrebbe perdersi e provocare così un incidente.

Ma come abbiamo visto in generale, se i bulloni o le componenti sono troppo strette, i danni sono lo stesso pericolosi. Infatti, se i bulloni delle ruote in particolare, sono troppo stretti, allora le filettature potrebbero spanarsi o danneggiarsi.

L’uso di una chiave dinamometrica quindi permette il corretto serraggio bulloni delle ruote, seguendo un valore di coppia specifico. Quindi tutto quello che dobbiamo fare è impostare il valore sullo strumento e poi rilasciare in seguito la leva.

 Come capire qual è il corretto valore di coppia

Il valore di coppia adeguato per le ruote della vostra auto,  lo troviamo sempre e comunque nel manuale del veicolo. Non pensiamo di deciderlo senza averlo prima consultato. Tendenzialmente varia in base al modello dell’auto, alle dimensioni specifiche del cerchio, ma anche rispetto al design e al numero di bulloni.

Potremmo dire però che generalmente  si aggira intorno ad un valore che è compreso tra 110 Nm e 120 Nm.

La scelta da cosa dipende: considerazioni

La scelta di una cera chiave dipende principalmente dall’uso che ne faremo specifico, ad esempio se la useremo per bulloni di ruote o per componenti del motore.

Se abbiamo necessità di ricoprire dei range molto vasti di valore di coppia, è sempre meglio non cedere ad un singolo strumento che presenti intervalli tanto ampi. Sarebbe bene infatti optare per due strumenti più piccoli distinti tra di loro. Questo per offrire una maggiore precisione.

Inoltre per avere strumenti che possano consentire di muoversi correttamente sui bulloni, per esempio per quanto riguarda quelli della moto, sarebbe utile scegliere una chiave di precisione con range 5÷25 ed una con range 30÷150.

In tal modo si è sicuri di poter operare più o meno su tutti i bulloni del modello della moto in questione.

La marca è un aspetto da considerare per la qualità?

Nella scelta di una chiave dinamometrica sicuramente gioca un ruolo importante il marchio, questo è spesso indice di qualità e di elevate prestazioni dello strumento. Quindi scegliere una marca conosciuta e affermata, rispetto ad una sconosciuta di cui non si hanno molte garanzie, è determinate per quanto riguarda l’efficienza della chiave.

Inoltre ogni chiave dinamometrica, per permettere un funzionamento adeguato e la massima precisione, ha bisogno di essere sottoposta a test di taratura periodici. Scegliere un brand conosciuto e molto acquistato ci conferisce una maggiore serenità, non ci troveremo di fronte a casi sgradevoli o a danni provocati su motore o bulloni di ruote.

Il prezzo: un altro fattore decisivo per la scelta

Mole persone pensano che alla fine sia inutile spendere per una chiave dinamometrica, o meglio spendere troppo. Ma ovviamente il prezzo va di pari passo con il nome del marchio, e con la qualità e le elevate prestazioni dello strumento. La differenza con la chiave normale è evidente e questo ha un costo. La chiave a cricchetto stringe infatti una vite o un bullone, mentre quella dinamometrica la/o serra fino al valore preciso e corretto in quella situazione. Questo in base al modello di auto, ai bulloni presenti, al tipo di motore e via discorrendo. La precisione di queste chiavi è la loro peculiarità.  Non possiamo certo affidarci a chiavi normali per operare su componenti delicati del motore, o su bulloni di auto o moto. La chiave dinamometrica offre una sicurezza unica, che nessun’altro strumento può dare. Inoltre le fasce di prezzo sono tre all’incirca:

  • una prima fascia che va da circa 30 euro fino ad arrivare a più o meno 150 euro,
  • una seconda fascia che invece va da 150 circa fino a 400 euro più o meno,
  • una terza fascia che parte da 400 euro circa e raggiunge anche 700 euro circa.

Studentessa universitaria di Filosofia, amante della scrittura, della lettura e di tutto ciò che attiene all’uomo nelle sue varie sfaccettature. Ha lavorato alla correzione di articoli a carattere culinario e scientifico, e all’editing di parte di un testo di natura filosofica.

Back to top
menu
Scelta Chiavi Dinamometriche