Chiavi dinamometriche con quadrante: quali acquistare? Criteri per la scelta, caratteristiche, prodotti, marche e fasce di costo

Le chiavi dinamometriche, cosa da sapere

Quando decidiamo di comprare una chiave dinamometrica, bisogna sapere come muoversi. Infatti parliamo di chiavi che hanno delle caratteristiche specifiche, e che devono tenere una certa precisione per serrare dei bulloni di componenti importanti. Queste chiavi sul mercato si presentano con vari volti, abbiamo ad esempio le chiavi a scatto, a quadrante, oppure quelle digitali, o a scatto con lettura della coppia e angolo. Queste ultime in termini tecnici vengono chiamate meccatroniche.

L’importanza delle chiavi dinamometriche

Le chiavi dinamometriche in campo meccanico hanno un’importanza incredibile, infatti il loro scopo è quello di serrare con la massima precisione elementi come viti e bulloni. Questi è importantissimo che vengano serrati con la giusta forza, per non creare situazioni spiacevoli. Non bisogna serrare troppo il bullone, ma nemmeno tenerlo morbido. Inoltre è sempre bene per ottenere una precisione più alta, muoversi non in prossimità con i valori minimi e massimi del range di valore di coppia. Per valore di coppia si intende in parole povere, la forza con cui la chiave dinamometrica va a serrare. Questa viene scelta dall’utente, che si trova davanti ad una scala graduata. Nelle chiavi dinamometriche digitali, spesso è presente un suono acustico che ci avverte del raggiungimento del valore di coppia desiderato. Importante è giostrarsi bene i tempi, in quanto dopo aver raggiunto il valore di coppia adeguato, la chiave non smette comunque di lavorare. Basta una piccola distrazione per serrare inavvertitamente di troppo il bullone o la vita in questione.

Chiave dinamometrica a scatto

La chiave dinamometrica a scatto, è forse quella più comprata ed usata, probabilmente per la facilità di uso. Il valore di serraggio di solito, in queste tipologie, si imposta ruotando l’impugnatura o un’asta di manovra. Può accadere che la lettura sia agevolata dalla presenza di un nonio. Nel momento in cui abbiamo impostato il valore di serraggio, possiamo bloccare la manopola, per evitare che il valore si modifichi. Il meccanismo di lavoro si basa su una molla, la quale va a concretizzare il valore di serraggio impostato attraverso la manopola.

Chiave dinamometrica a quadrante

Questo tipo di chiave è molto diffuso in America, ed è anche denominata chiave ” a lancetta“. Questa chiave non offre quella precisione prevista dalla chiave a scatto, ma si presenta essenziale e utile, robusta strutturalmente e facile da usare. La sua forma è particolare, ed è composta da:

  1. due barre composte di metallo e parallele, di cui la prima barra collega l’impugnatura alla testa,
  2. l’impugnatura, che deve essere comoda e non troppo scivolosa,
  3. la testa, dove troviamo l’attacco del quadro.

La forza motrice viene esercitata dalla prima barra, questa si flette mentre l’altra rimane invariata. La flessione viene letta su una scala graduata, e sta all’utente interrompere il serraggio quando legge sulla scala graduata il valore deisderato.

Prezzi delle chiavi dinamometriche

Sul mercato è possibile trovare tante tipologie dichiavi dinamometriche.

Non esiste una migliore marca in assoluto, ma in genere i marchi che sono più famosi nel campo sono quelli più affidabili.

Generalmente si va dai 40 euro circa dei tipi meccanici ai 200 euro circa dei marchi digitali. Ovviamente poi il prezzo varia in base all’applicazione circoscritta della chiave, ai materiali di media o alta qualità impiegati, dalla marca o nome dell’azienda che produce quelle chiavi.

È interessante però sapere che nei canali di vendita online, è possibile trovare offerte che di persona è difficile trovare. Inoltre se la chiave ha dei problemi, potremmo comodamente effettuare un reso, ad esempio tramite Amazon, senza muoverci di casa. Tutto a costo zero e con la possibilità di sostituire anche il prodotto.

Marca Doralo

Questo marchio propone delle ottime chiavi dinamometriche a quadrante, che presentano un buon rapporto qualità prezzo. Questi hanno una gamma di serraggio fino a 1500 Nm.

Inoltre c’è la possibilità di serraggio sia destro che sinistro.  I serraggi sono sempre molto precisi grazie al sistema della barra di torsione.

  • Infine il quadrante presenta due lancette: ago di lettura e indicatore statico.

Le ridotte dimensioni poi della testa della chiave consentono serraggi anche in spazi circoscritti, non ampi.

La precisione di serraggio di queste chiavi è di precisione di serraggio ±2%. Infine abbiamo un importante certificato di taratura con riferibilità ACCREDIA.

Bahco, migliori modelli a quadrante

Questo marchio presenta degli ottimi modelli di chiavi dinamometriche che sono a quadrante.

La coppia di solito è visualizzata in ogni momento durante il serraggio e questo è un aspetto che comporta una maggiore comodità nell’uso.

Inoltre il quadrante presenta una protezione antiurto e una doppia scala in N.m/ft.lb.

Il range del valore di coppia, copre tutti quei valori compresi tra 100 a 800 N.m. Possiamo dire che lo spettro di azione di queste chiavi è molto ampio.

Inoltre possiamo usare la chiave sia in senso orario che antiorario, attraverso la semplice rotazione del quadrante e del puntatore secondario in posizione  adeguata.

Risulta possibile con queste chiavi, una applicazione controllata della coppia fino a ±4%. Inoltre il segnale visivo continuo con puntatore secondario, ci aiuta a capire quando è raggiunta il valore di coppia massimo.

Questi modelli sono prodotti in America, come la maggior parte delle chiavi dinamometriche. Inoltre i materiali sono molto buoni, solitamente in acciaio inossidabile.

Cosa è importante ricordare

L’importante è che le chiavi di questo tipo tengano lontani fenomeni di corrosione e simili. Per quanto concerne invece i prezzi, questi sono abbastanza variabili come abbiamo visto. Ma per avere una chiave dinamometrica di medio livello, di questo tipo, dobbiamo spendere almeno 350 euro circa. Inoltre è bene ricordare che l’impugnatura non deve in alcun modo essere scivolosa, e che è molto importante somministrare dei test di taratura alla propria chiave.

Conclusioni

Le chiavi dinamometriche sono delle chiavi utilissime, ma bisogna saper valutare bene tutte le caratteristiche che deve avere in base anche alle nostre esigenze. Quindi è molto importante che:

  • una chiave dinamometrica presenti il giusto intervallo di valore di coppia che ci serve,
  • abbia una impugnatura non troppo scivolosa, meglio se zigrinata,
  • sia costituita in metallo e non in plastica,
  • sia adatta al lavoro specifico che dobbiamo compiere,
  • non venga fatta stare insieme ad altri utensili.

Studentessa universitaria di Filosofia, amante della scrittura, della lettura e di tutto ciò che attiene all’uomo nelle sue varie sfaccettature. Ha lavorato alla correzione di articoli a carattere culinario e scientifico, e all’editing di parte di un testo di natura filosofica.

Back to top
menu
Scelta Chiavi Dinamometriche